III Serie, Vol. XXIII, 1993



  • Fasc. 1

  • Giuseppe Nenci, Agrigento e la Sicilia nel quadro dei rifornimenti granari del mondo greco, 1-7
  • Ugo Fantasia, Grano siciliano in Grecia nel V e IV secolo, 9-31
  • Charles Kanelopoulos, Les tecniques et la cité. Les positions de Xénophon, 33-70
  • Luigi Piccirilli, Cleone d'Alicarnasso. Supplemento a Jacoby, FGrHist 583, 71-77
  • Luciano Canfora, La «Lettera a Balbo» e la formazione della raccolta cesariana, 79-103
  • Antonella Russo, SNS-Greek & Latin 1.0. Una applicazione per la consultazione di banche dati su CD-ROM, 105-113
  • Pietro G. Beltrami, Tre schede sul Tresor. 1. Il sistema delle scienze e la struttura del Tresor. 2. Tresor e Tresoretto. 3. Aspetti della ricezione del Tresor, 115-190
  • Antonio Fazzini, Collezionismo privato nella Firenze del Cinquecento. L'«appartamento nuovo» di Jacopo Alamanno Salviati, 191-224
  • Francesco De Rosa, Il trattamento leopardiano della forma Canzone (1818-1822), 225-273
  • Francesca Nassi, Tra manzonismo e glottologia: Francesco d'Ovidio e la questione della lingua, 275-318
  • Fasc. 2

  • Giuseppe Nenci, I donativi dei Creso a Delfi, 319-331
  • Salvatore Lavecchia, L'esecuzione solistica dell'epinicio: una tesi da ridiscutere, 333-348
  • Luca Gatti, Displacing Imagines and Devotion in Renaissance Florence: the Return of the Medici and an Order of 1513 for the Davit and the Judith, 349-373
  • Pratiche di scrittura e pratiche di lettura nell'Europa moderna

    Armando Petrucci, Presentazione [a Pratiche di scrittura e pratiche di lettura nell'Europa moderna], 375-384
  • Roger Chartier, Per una storia delle pratiche di lettura nell'età moderna (secoli XVI-XVIII), 385-402
  • Pierluigi Petrobelli, Scrivere musica nell'epoca barocca, 403-410
  • Christian Jouhaud, Nota sui manifesti e sui loro lettori (secoli XVI-XVIII), 411-426
  • Angelo Michele Piemontese, Leggere e scrivere «Orientalia» in Italia, 427-453
  • Giovanni Ragone, Leggere un romanzo barocco. Scritto e seriale, 455-503
  • Valentino Romani, Tra editoria e cultura nel Settecento italiano ed europeo: le associazioni (sottoscrizioni) librarie, 505-548
  • Armando Petrucci, Introduzione alle pratiche di scrittura, 549-562
  • Francisco M. Gimeno Blay, Analfabetismo e alfabetizzazione femminili nella Valencia del Cinquecento, 563-609
  • Armando Petrucci, Insegnare a scrivere, imparare a scrivere, 611-630
  • Carlo Maccagni, Leggere, scrivere e disegnare la «scienza volgare» nel Rinascimento, 631-675
  • Fabio Troncarelli, Scrittura e religione in Europa tra XVI e XVII secolo, 677-700
  • Angelo Cicchetti, La memoria familiare tra archivio privato e sistema letterario: percorsi testuali, 701-740
  • Raul Mordenti, Scrittura della memoria e potere di scrittura (secoli XVI-XVII). Ipotesi sulla scomparsa dei «libri di famiglia», 741-758
  • Mirko Tavoni, Scrivere la grammatica. Appunti sulle prime grammatiche dell'italiano manoscritte e a stampa, 759-796
  • Jacques Revel, Conclusioni [a Pratiche di scrittura e pratiche di lettura nell'Europa moderna], 797-823
  •  
  • Fasc. 3-4

  • Marco Bettalli, Il controllo di città e piazzeforti in Tucidide. L'arte degli assedi nel V secolo a.C., 825-845
  • Mario Manfredini, Nuove osservazioni su codici plutarchei, 999-1040
  • Lucilla Bardeschi Ciulich, Michelangelo e il Banco Salviati di Pisa, 1041-1128
  • Silvia Padrone, La voce Polythéisme dell'Encyclopédie e la teoria evemerista sull'origine dell'idolatria, 1129-1143
  • Nunzio La Fauci, Analisi e interpretazioni linguistiche del Gattopardo. I. Il gatto, 1145-1185
  • Notiziario della Scuola Normale Superiore, 1187-1243
  • Indice delle tavole, 1245-1256
  • Indice dell'annata, 1257-1259